Blog

https://www.youtube.com/watch?v=XA5HErVE9oI (ELVIS PRESLEY)

Il militare, o pizzardone ha l'aria annoiata. Nel brusio la stazione si rimescola di persone a posto, ragazzoni isterici, steroidei, che gridano alla madre o alla sorella, e macchine inceppate.
Luce che si diffonde tra i muri pieni di lumi a segnalar di convogli. Quiete animata di voglia di andare a farsi friggere altrove. Brevi scale mobili e altre più lunghe, messe chissà perché al contrario.
Angoli gialli pieni di caffè e panini, ma il barista ha una sua storia urgente da narrare e non sente.

La signora nera con i pantaloni e la giaccavento, con il capello lungo malcolorato e sciatto, più verso i settanta che i cinquanta ma chissaddove, chissaddove... parla al militare, ancora più annoiato e gli dice così: “Perché io, caro mio, quando ho torto sono la prima ad ammetterlo: la prima! E allora non permetto...”

La creazione popolare, scevra da pretenziose filosofie ha i suoi classici. Questo è un capolavoro. Può sembrare un paradosso... un asserto contraddittorio e inconsistente. Ma forse...

https://www.youtube.com/watch?v=QMOEX0T10S8 (COLTRANE & BURRELL)

Nella stazione grandi manifesti pieni di adolescenti coi baffi che scrutano volumetti a nolo, donne che si riempiono le borse di alimenti per un viaggio di due fermate. Tanti colori, pieni di luce. Un'edicola. L'edicola ci vuole e un'altro coso che fa spremute di frutti esotici. E grattaevinci: ne voglio uno? Voglio un caffè arabica? Solo dieci centesimi in più? E non mi morirà mica per dieci centesimi...

La signora nera è saggia e ha letto il mio blog, questo che stai leggendo tu: si tratta del Bootstrap. Un sistema di relazioni si può sostenere sollevandosi da se stesso. Guardate a Fritjof Capra. "Io se ho torto, caro mio, sono la prima... ".
Intanto se cerchi una giustificazione più alta, esterna, finirai per attaccarti ad oggetti improbabili, incoerenti e impraticabili come deità une e trine, buchi neri e grandi scoppi, robbe che non stanno insieme e che hanno una vita limitata. Sono poesia, a volte bellissima. Prendete allora invece un grattaevinci, che almeno una possibilità su seimila fantastiliardi di spiriliardi c'è.

Entro nel grattaevinci e sembra le bancherelle della festa della Madonna, di quand'ero bambino e vorrei una rivista, ma non che so cosa voglio: è che una volta compravo delle riviste ma ora non ci sono più. Esco dal grattaevinci.

Ma non lasciatevi ingannare: la signora, che avrà pur gli stivali con il Velcron©, non ci abbindola di manco un pochetto!
Sarà il tono... è il tono con cui angoscia il povero milite, con cui reclama l'autorità su sé stessa: “SONO LA PRIMA!”. Ecco che avere torto la porta, dall'ultima posizione della fila, direttamente alla pole position.

Ennò, cara la mia carampana: troppo comodo, troppo comodo.

https://www.youtube.com/watch?v=V9vQ_y9JJ1E (PAT METHENY)

Commenti   

0 #1 Ale 2019-05-04 23:39
:lol: :lol:
Un bel delirio che mi ha ricordato Fante
Citazione | Segnala all'amministratore

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna