Blog

IL PRIGIONIERO - Serie televisiva

https://www.youtube.com/watch?v=ato5NS9dW0A

Il prigioniero è stato scritto dallo stesso interprete principale (Patrick McGoohan) ed altri autori.

La sequenza che ho rivisto l'altra sera per caso mi è rimasta impressa.

Il punto è che mi è capitato di pensare a cosa esattamente mi richiamasse alla mente la grafica da asilo per l'infanzia di Google, quei disegnini realizzati nei colori fondamentali che trasformano in decalcomania per le finestre dell'aula le grandi scoperte della scienza e altre amenità (e non ricordo se vengano rubricate anche le disgrazie...).

E nella mia mente è comparso il Villaggio: quello del Prigioniero, con i suoi ombrellini, le sciarpe a righe colorate e le magliette da marinaio. Forse una delle più belle serie televisiva mai realizzate, almeno nel suo genere. Io ho fastidio anche solo a sentire parlare delle serie televisive attuali e non avendo la Tv non sono aggiornato. Ce ne sono delle belle, comunque. E così ognuno potrà salvare le sue.

E mi sono messo a ponzare sulle metafore che quella serie del 1967 ci proponeva, i simboli... e mi è capitata proprio la sequenza qui sopra.

Il N. 6 è una spia che è stata "ritirata" nel Villaggio, prigioniera in questo mondo fatto di burocrazia, piccole pubblicità, giochi ed "eventi" senza spessore né interesse.

Traduco.

" (N. 2) ...ci sono persone che parlano e persone che non parlano, il che significa che ci sono persone che lasciano questo posto e altre persone che non lo lasciano: tu ovviamente rimani."

(N. 6) ...non si è mai accorto che lei è un prigioniero quanto lo sono io?"

" (N. 2) Ah! Ma certo, sapevo troppo, siamo entrambi ergastolani. Io sono certamente un ottimista e quindi non ha importanza chi sia il numero 1, non ha importanza quale delle due parti diriga il Villaggio.

" (N. 6) E' certamente diretto da una delle due parti!"

" (N. 2) Certamente sì, ma le due parti stanno diventando identiche, in effetti si sta creando una matrice per l'ordine mondiale. Le due parti, confrontandosi si renderanno conto improvvisamente che stanno guardando in uno specchio: vedranno che questa è la via verso il futuro!

" (N.6)... tutto il mondo... come il Villaggio?"

" (N. 2) ...Questa è la mia speranza! Qual è la sua?"

" (N. 6) Mi piacerebbe essere il primo uomo sulla luna!"

----------

E pensare che oggi stiamo ancora lì a guardar telenovele sui camorristi, le pistole e la cocaina. Robba che avevano già sepolto negli anni '30... 

Ah, i favolosi anni '60!!! Era un po' come un treno... carico di frutti: eravamo alla stazione, sì. Ma dormivamo tutti.

IVANO FOSSATI - La mia banda suona il rock

https://www.youtube.com/watch?v=y9XLiQmFoB0

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna